1. Ok, lo ammetto. All’inizio del liceo ho scoperto gli alcolici, per la precisione questa puttanata. E ne andavo matto. Così, ci pensavo.

     
  2. Un pomeriggio per finire un pezzo, venti minuti per sistemare televisore, lettore dvd, prese scart e cavi vari. In pratica sudore e stanchezza. Ma ora mi rilasso un po’ con una birra e American Graffiti. Sì… mi annoio molto.

     
  3. Un disco per l’estate. (2014)

     
  4. (La copertina non mi piace ma) ok, il fatto che io non possieda ancora questo disco comincia a turbarmi e al più presto cercherò di rimediare.

     
  5. "The Montgomery Chasm"
    48 x 48 inches
    Oil on Panel
    2014

    *By Jeremy Mann

    Taggato #Jeremy Mann
     
  6. Cioè, giuro che non abbraccerò mai più una ragazza. Mai più.

    Taggato #E la cicogna?
     
  7. Scoperte adorabili.

    *(Marine GirlsLazy Ways/Beach Party)

     
  8. Ok, ordino questo. Grazie.

     

  9. A volte riguardo le mie vecchie Smemo del liceo (dei veri e propri collegamenti con quegli anni). Sono stracolme di immagini attaccate con lo scotch, adesivi, scritte di vario genere, testi di canzoni, citazioni, dediche più o meno imbarazzanti, pensieri decisamente imbarazzanti.

    Poi sfoglio questo blog e mi accorgo che tutto sommato non è altro che una versione 2.0 di quei diari scolastici.

    *(L’adolescente ritardato, appunto)

     
  10. Luciano Fiannacca – Il gesto arcaico

    *(Che tra l’altro era la copertina della Smemo del 2004)

     
  11. Painted love*

    *(by Louis Treserras).

     
  12. Questo è un disco che aspetto con ansia. 

     

  13. Giobbe Covatta - Cappuccetto Rosso

    Vedete bambini, non è difficile scrivere una favola.
    Si prendono due o tre deficienti a caso e si mettono in un castello o in un bosco… Vi faccio un esempio: Cappuccetto Rosso è una favola popolata esclusivamente da imbecilli.

    La nonna di Cappuccetto Rosso vive nel bosco e tiene novantacinque anni.
    Ma vai all’ospizio, cretina! Come ti viene in mente a novantacinque anni di vivere nel bosco da sola, che costringi i parenti ad andare avanti e indietro, avanti e indietro, avanti e indietro, per la foresta?
    E poi uno si stupisce se la gente lascia i nonni sull’autostrada d’estate! E’ logico!!!

    La mamma di Cappuccetto Rosso è un’altra scimunita.
    Dà alla bambina il cestino e le dice: “Tieni, vai dalla nonna e portale da mangiare! Ciao, in bocca al lupo”.
    Cappuccetto Rosso immediatamente si gratta!

    Arrivata nel bosco incontra il lupo più imbecille della storia del WWF, che non se la mangia ma chiede ansioso: “Dove vai bella bambina?” - “Dalla nonna” risponde lei.
    E il lupo, invece di mangiarsela sul posto, come farebbe un lupo con un normale quoziente intellettivo, va a casa
    della nonna e mette in piedi una sceneggiata che al confronto Mario Merola non è nessuno!

    Arriva alla casetta e bussa.
    "Toc, toc"
    "Chi è?"
    "Cappuccetto Rosso"
    "Avanti"

    E qui abbiamo la conferma che la nonna è completamente arteriosclerotica: mò, pure se Cappuccetto Rosso tiene la voce di Fausto Leali durante una crisi d’asma, come può la nonna confonderla con un lupo?

    A questo punto il lupo entra e si mangia la nonna.
    Notare l’educazione del lupo che non sarebbe mai entrato a mangiarsi qualcuno senza bussare.

    Qui avviene il capolavoro della storia.
    La vera genialità: il lupo invece di mettersi dietro la porta con una mazza e dire: “Mò, quando arriva la creatura le do una mazzata in faccia, l’allesso e poi me la sgranocchio”, nooo! Il lupo che fa?! Si mette la camicia da notte della nonna, la
    cuffietta con le orecchie che escono attraverso apposite asole che lui stesso ha approntato (si sa che i lupi sono sarti provetti) e si infila nel letto.

    Arriva Cappuccetto Rosso, che i più intimi chiamano Einstein per la sua intelligenza pronta e vivace, entra, guarda il lupo e invece di chiamare il 113, oppure dirgli: “Imbecille, come ti sei combinato, hai perso completamente tutta la dignità di lupo, guarda là, sembri Ave Ninchi”, come reagisce??? Dice: “Oh, nonna, che peli lunghi che hai!”

    Ora bambini: chiunque di voi possieda un cane provi a mettergli una cuffia e un paio di occhiali da vista e veda se somiglia alla nonna! Se sì, fate abbattere vostra nonna o consegnatela alle autorità.
    Ora… è vero che la nonna non ha riconosciuto la voce del lupo da quella della nipote, d’accordo, ma la nonna tiene novantacinque anni e può essere rincoglionita.
    Ma Cappuccetto Rosso come fa a non distinguere sua nonna da un lupo con una cuffietta?! Ma chi tiene per nonna? King
    Kong?
    Pure se quella non si fa la ceretta dal 1931, chi è? Lucio Dalla? Lo Yeti?
    Comunque, tutto è bene quel che finisce bene e il lupo se la mangia.

     
  14. Ormai è il mio disco del sabato sera, quando sono a casa e vorrei essere altrove.

     
  15. Tre allegri ragazzi scappati di casa, a scuola. (2007)